Eccoti qui le ultime news aggiornate di Dinasty of Freedom. Ciò che non ti uccide ti rafforza.

I lavori proseguono senza interruzioni nonostante gli ostacoli che spesso si trovano lungo il cammino. Ostacoli per lo più creati dalle persone più negative che vedono nemici ovunque o che hanno fastidio che altri possano raggiungere i propri scopi e obbiettivi qualunque essi siano.

Questa  breve premessa per introdurti al primo argomento di questa news.

L’evento Blockchain week di Roma.

Come sai la nostra associazione si era iscritta per partecipare e aveva anche pagato la quota, ed avevamo avuto anche logo e informazioni sul sito dell’evento.

Dopo qualche giorno ci chiamano dicendo che qualcuno di cui non hanno fatto nome, non gradiva la nostra presenza alla manifestazione, e senza preavviso hanno tolto logo e informazioni dalla pagina dell’evento e ci mandano una mail informandoci dell’accaduto. Rimanendo vaghi sulle Fonti e sulle ragioni vere.

Avendo una accordo firmato eravamo pronti anche alla denuncia. Ci sono state diversi colloqui di chiarimento telefonici anche con gli organizzatori, che alla fine hanno riconosciuto di essere stati troppo precipitosi, avendo dato retta a persone a cui evidentemente eravamo non graditi per loro opinioni personali , ma ormai il danno era fatto.

Siamo giunti però ad una soluzione bonaria, per cui garantiranno la partecipazione al prossimo evento che si terrà presumibilmente a milano il prossimo autunno. Altri dettagli dell’accordo non possono essere resi noti.

Ci auguriamo, che le persone che ci hanno visto e ci vedono come nemici, si ravvedano e siano disponibili al dialogo e a sedersi con noi a discutere per capire quali problemi ci sono e come noi potremo essere di ostacolo ai loro progetti. Per far capire che non siamo noi i loro nemici, ma altri che noi stiamo anche combattendo  e si chiamano Oligarchie finanziarie… Perché di questo si tratta. A meno che costoro non stiano proprio nell’altra sponda!

Pur non avendo fatto nomi, dai vari dialoghi intercorsi, desumiamo che si tratti ancora delle stesse persone che a partire da Truffacoin a inizio 2016 (probabilmente anche gli autori di quei 2 articoli contro il nostro progetto e contro il suo fondatore) hanno continuato a farci guerra aperta. Si erano esposti anche per l’evento cryptofiera al quale eravamo stati ammessi con entusiamo dall’organizzatore, ma dopo che quest’ultimo aveva ricevuto da queste persone opinioni negative sulla nostra associazione (sempre il ricatto o noi o loro) ci chiamò rammaricandosi che non poteva accettarci nel suo evento.

E la storia si è ripetuta. Sono persone che non si mostrano apertamente, agiscono nell’anonimato, non ci contattando direttamente per chiarimenti o spiegazioni.  Semplicemente non gli siamo simpatici, non importa se siamo una associazione senza scopo di lucro, non importa se stiamo cercando di aiutare le persone ad uscire fuori dalle loro gabbie.

Contrariamente a quello che loro sperano. Questo loro prodigarsi contro di noi ci fa pensare invece di essere sulla strada giusta e continuiamo con sempre maggior vigore.

Sono abbastanza sicuro che qualcuno di queste persone siano anche registrate come associati, le invitiamo a contattarci, ad uscire allo scoperto e aprire un dialogo di chiarimento perché sospetto che non abbiano ancora capito quali sono i nostri obbiettivi (forse non siamo noi capaci a spirgarli come si deve). E quanto meno ci spieghino quali sono i motivi per cui ce l’hanno a morte con questo progetto e/o con il suo fondatore.

Spero che tutti gli altri associati capiscano la situazione e si stringano di più a sostegno della loro associazione e facciano crescere la fiducia attorno a questo progetto che può cambiare in meglio le sorti di questa grande ma bistrattata nazione.

Ora passiamo ai prossimi e  argomenti per aggiornarti su quanto si sta facendo per far crescere il nostro progetto.

Prima una premessa ancora per darti l’idea di quanto sia sano e solido questo progetto nonostante le avversità che ci sono state sino ad ora e che ti andiamo  ad elencare:

  • Dinasty of freedom nasce nell’ottobre 2015
  • Novembre 2015 iniziano lavori su dinastycoin
  • A Gennaio 2016 evento di lancio in provincia di verona e accordo con moneta complementare payexe. Prima di andare in un exchange il valore del dinastycoin era quindi di 1 euro dato che si poteva cambiare 1 dinastycoin con 1 payexe
  • Nasce il primo problema proprio al lancio dovuto ad un anonimo che scrive contro soprattutto il fondatore sul sito Truffacoin.com. Sito che alla fine dopo oltre 1 anno di articoli diffamanti scritti su altre altcoin è stato fatto chiudere dalle autorità in quanto conteneva disinformazione e diffamazione e soprattutto non offriva mai il giusto contradditorio, dato che gli articoli non venivano mai firmati.
  • Il secondo problema nasce dopo un paio di mesi che Dinastycoin era stato minato dai primi associati fondatori che avevano contribuito ai costi e che quindi avevano avuto precedenza a minare prima che il dinastycoin fosse immesso sulla rete pubblica, e questo fatto fu alla base delle critiche dissennate scritte dagli anonimi di truyffacoin.
  • Open source pubblicati giugno 2016 su github , minazione pubblica, si entra in un primo piccolo exchange gestito dal fondatore del Bikercoin.. .
  • Nasce il terzo problema, dovuto anche ad inesperienza. Inizialmente il Dinastycoin si scambiava a 1 euro suo valore iniziale… Qualcuno su questo exchange, che oggi sospetto fosse chi scriveva gli articoli su truffacoin, metteva in vendita il Dinastycoin invece che, come era logico aspettarsi a 0.9,  a dieci o venti volte meno. Se io vedo il bitcoin a 10000$ non lo metto invendita a 1000$ giusto? sarei uno sciocco! Prima lo metto a 9900$ e solo se non lo vendo scendo gradualmente il prezzo. Invece succedeva che mentre l’ultimo acquisto del Dinastycoin era a 1Euro (in bitcoin) qualcuno lo metteva in vendita a 10 -20 volte meno. Secondo te perchè lo faceva? Lo vendeva poi il valore tornava a 1 euro e nuovamente qualcuno lo rimetteva a prezzo 10/20 volte inferiori. Ognuno è libero di fare ciò che vuole ovvio. Ma esiste una logica di profitto di solito. Per cui dato questo deprezzamento ingiustificato, si era deciso (dato che non erano nemmeno su coinmarketcap) di togliere il Dinastycoin per andare su exchange più seri. Il problema nacque nel momento in cui credendo erroneamente che fosse l’admin dell’exchange a fare queste manovre, scrissi a lui direttamente cercando di capire perché lo facesse e di trovare un modo per evitarlo.  E’ stato un errore scrivere, perché questo admin rese pubblica la mail che fu poi oggetto da parte di Truffacoin di un secondo articolo calunniatore. Abbiamo scoperto poi che a svendere il DCY erano invece le stesse persone che scrivevano o sostenevano truffacoin che volevano veder fallire il nostro progetto sul nascere.
  • dopo poco essere usciti , Si entra invece nel primo exchange importante che è cryptopia e poco dopo anche su btc.alpha.
  • Nonostate i primi problemi, che avevano creato rallentamenti e sfiducia in italia, all’estero il progetto piace e grosse comunità soprattutto nel brasile iniziano una serie di acquisti che portano il Dinastycoin ad essere la crittovaluta più profittevole nell’intero range di crittovalute esistenti, dato che si poteva minare anche con cpu e gpu di normali pc. Si arriva vicini a 100Sat
  • E qui il quarto problema. Asic Cryptonight. Per inesperienza abbiamo sottovalutato il problema e quindi pur avendo fatto un fork con un algoritmo che avrebbe dovuto mitigare l’effetto degli asic, questo non era in effetti stato efficace completamente. Per cui all’apice della crescita, molti ASIC si sono buttati nell minazione del DCY e ci siamo trovati solo nel nostro pool con oltre 400 Minatori, e in circolazione ne erano stati creati svariati altri pool.. tutti minare il DCY. Tutto bello. Solo che gli ASIC Cryptonight hanno iniziato a generare chain alternative. Queste si generano quando un unico PC genera troppa potenza HASH. I Casini sono iniziati già a maggio  2018 e nonostante un nuovo hardfork, si erano create cosi tante chain alternative da non sapere più dove era quella principale. È stato cosi bloccato tutto per 2 mesi luglio e agosto per sviluppare un nuovo algoritmo e fare un nuovo hardfork  o meglio backhardfork tornando indietro all’ultimo blocco noto della blockchain principale. Cosi facendo si è ripristinato tutto e dall’ottobre 2018 tutto sta andando bene con la blockchain
  • Andiamo al quinto e speriamo ultimo problema. Nel periodo novembre dicembre su cryptopia era tornata la fiducia e gli acquisti e per alcuni giorni dinastycoin è stata la moneta più scambiata con il Bitcoin su Cryptopia…. Peccato che proprio quando il valore stava risalendo, Cryptopia è stata hackerata e alla fine ha chiuso. Lasciando tra l’altro diverse centinaia di milioni di Dinastycoin nei suoi portafogli che ancora non sappiamo se e quando saranno restituiti.
  • Credo che ce ne sia abbastanza per stroncare qualsiasi tentativo e progetto pieno di buone e oneste intenzioni. Ma il nostro progetto è più che sano. Il fondatore è serio onesto e determinato anzi autodeterminato. E’ un progetto fatto per contrastare il sistema delle monete fiat e far conoscere la soluzione possibile con le crittovalute e a ridare lustro al made in italy. E dall’inizio che con grandi sforzi economici stiamo sviluppando una ecosistema economico, su una piattaforma software sviluppata completamente da zero, basata solo sulle crittovalute, Dal Dinastycoin al bitcoin.
  • Siccome non era ancora abbastanza ci troviamo con queste persone italiani abitanti di matrix che non solo scrivono su truffacoin peste e corna su di noi, ma ci ostacolano in tutti i modi possibili. Impedendoci di partecipare agli eventi del settore ad esempio come Crytpofiera nel  2018 e Blockchainweek nel 2019. Lo hanno fatto in entrambe le occasioni ricattando di non partecipare all’evento (si tratta di una specie di cartello di vari progetti basati sul Bitcoin in italia) e parlando male del nostro progetto e del suo fondatore… senza aver mai realmente conosciuto entrambi!
  • Noi non demordiamo e anzi troviamo energia e nuove motivazioni proprio in questi incidenti di percorso che ci rinforzano, e fanno crescere l’esperienza. Quello che non ti uccide ti rende più forte! E quindi ora passiamo alla fase successiva del Dinastycoin
  • Dinastycoin Swap 2019. Non solo non siamo morti, ma siamo più vivi che mai. Chi vuole seguirci  troverà in questo grandi soddisfazioni nel 2020 per chi non ha avuto costanza, un buon proseguimento alla sua vita.

Dinastycoin Swap 2019

E veniamo all’argomento clou di questa news.

Sono in corso i lavori per eliminare tutte le debolezze che ci hanno, in passato creato problemi nella blockchain, passando ad una totalmente nuova blockchain che è quella sviluppata ed evoluta da MONERO. Rimaniamo nell’ambito della tecnologia cryptonote perché non vogliamo snaturare i principi del dinastycoin, che deve essere una moneta paritaria, cioè minabile da tutti. Purtroppo con l’avvento degli Asic Cryptonight, nell’ultimo anno e stata minata solo dai possessori di Asic Cryptonight, poiché sono in grado di generare il 90% della potenza HASH della rete.

Con lo swap dinastycoin tornerà ad essere minata da tutti, e chi continuerà con gli asic si troverà ad ottenere gli stessi risultati di una normale GPU

Devi rimanere sintonizzato con l’associazione in questo periodo per avere tutte le informazioni necessarie per sapere come fare a convertire i tuoi Dinastycoin attuali nel nuovo formato.

Stiamo preparando un sito dedicato e centralizzato dove tutti i possessori di wallet desktop potranno fare la conversione.

Chi ha monete su wallet On line dell’associazione nel backoffice, la conversione sarà fatta d’ufficio e non devono fare niente, si troveranno con i portafogli già convertiti.

Gli exchange dovranno fare altrettando e cosi i pool.

Seguiranno varie news con gli aggiornamenti per conoscere tutte le modalitò operative e poi tutti i nuovi strumenti che sarano disponibili nella nuova blockchain.

Ecosistema economico

L’articolo è già lungo cpsì per cui rimandiamo al successivo le informazioni relative ai numerosi aggiornamenti che sono stati portati nelle ultime settimane sulla piattaforma dinastyoffreedom.shop e dinastyoffreedom.media

 

Tags:, ,